Laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

Presentazione

Obiettivo formativo del Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza è offrire i saperi, i metodi e le tecniche adeguati a far conseguire i livelli di conoscenza necessari ad una formazione giuridica superiore, premessa indispensabile per l’avvio alle professioni legali. A tal fine verrà fornita una preparazione idonea a far acquisire agli studenti la piena capacità di analisi e combinazione delle norme giuridiche nonché la capacità di impostare in forma scritta ed orale le linee di ragionamento e di argomentazione necessarie ad una corretta impostazione di questioni giuridiche generali e speciali di casi e fattispecie. Degli studenti, che dovranno essere in grado di utilizzare fluentemente in forma scritta e orale almeno una lingua dell’Unione Europea oltre l’italiano (con riferimento anche ai lessici disciplinari), sarà curata in particolare la formazione giuridica in ambito internazionale ed economico-gestionale.

Scheda del corso

Tipo
Corsi di laurea magistrale a ciclo unico
Durata
5 anni
Classe di appartenenza
LMG/01 - Classe delle lauree magistrali in Giurisprudenza
Organo di controllo
Collegio di Giurisprudenza
Referente
Tommaso dalla Massara
Informazioni
Didattica Studenti Giurisprudenza
Gestione didattica
Unità operativa Didattica e Studenti Giurisprudenza
Gestione carriera studenti
Unità operativa Didattica e Studenti Giurisprudenza
Sede
VERONA
Sbocchi professionali
Il Corso intende formare i profili professionali propri delle principali professioni legali (avvocatura, magistratura e notariato) e della dirigenza in amministrazioni e organizzazioni private e pubbliche, in ambito nazionale, locale e internazionale. Funzione in un contesto di lavoro: Avvocato: funzioni di rappresentanza, assistenza e difesa delle parti in un processo o in una controversia extragiudiziale, in forza del mandato ricevuto dalle parti, nonché funzioni di consulenza verso privati ed istituzioni nei più diversi settori del diritto. Magistrato: esercizio della funzione giurisdizionale, nella veste di giudice o di pubblico ministero, nonché svolgimento in taluni ambiti di ulteriori funzioni amministrative correlate all'amministrazione della giustizia (es. volontaria giurisdizione) Notaio: funzione di formazione, redazione e ricevimento di atti tra vivi e di ultima volontà, attribuzione agli stessi della pubblica fede, conservazione nel deposito, rilascio di copie, di certificati e di estratti. La funzione notarile ha una natura essenzialmente generalpreventiva, in quanto volta a garantire la piena validità ed efficacia degli atti, ponendosi quindi come strumento utile a prevenire le controversie, soprattutto nell'ambito della circolazione immobiliare. Ulteriori funzioni del notaio sono correlate alla sua funzione di pubblico ufficiale e di sostituto d'imposta. Dirigenza nelle amministrazioni pubbliche e private: funzioni dirigenziali complesse in amministrazioni pubbliche e private, con il compito di promuovere, coordinare e gestire con piena autonomia decisionale la realizzazione degli obiettivi di un ente, di una struttura o di un ufficio, pubblico o privato. Una e autonoma rilevanza rilevanza hanno, nell'ambito pubblico, le funzioni svolte dagli agenti diplomatici (ambasciatori, agenti pluripotenziari, ecc.), essenzialmente consistenti nella rappresentanza dello Stato nel quadro delle relazioni con altri Stati o organizzazioni internazionali. Competenze associate alla funzione: Avvocato: Le competenze associate alla funzione di avvocato comprendono l'approfondita conoscenza delle norme, nazionali, locali e sovranazionali costitutive dell'ordinamento in cui opera, la capacità di corretta interpretazione e applicazione delle norme ai casi concreti, l'abilità nell'esposizione orale e scritta di problemi giuridici complessi e nella risoluzione degli stessi nell'esclusivo interesse dei soggetti in essi coinvolti, la conoscenza e l'osservanza delle regole tecniche e deontologiche della professione, la maturazione di capacità di negoziazione e di mediazione tra le parti interessate. Magistrato: Le competenze associate alla funzione di magistrato comprendono l'approfondita conoscenza delle norme, nazionali, locali e sovranazionali costitutive dell'ordinamento in cui opera, l'abilità nell'esposizione orale e scritta di problemi giuridici complessi, la capacità, in termini più specifici, di interpretare ed applicare correttamente le norme ai casi concreti e di risolvere le controversie in posizione di terzietà, ossia di indipendenza rispetto alle parti, sapendo altresì adeguatamente motivare le soluzioni raggiunte. Notaio: le competenze associate alla funzione notarile comprendono l'approfondita conoscenza delle norme, nazionali, locali e sovranazionali costitutive dell'ordinamento in cui opera, la capacità di corretta interpretazione e applicazione delle norme ai casi concreti, l'abilità nell'esposizione orale e scritta di problemi giuridici complessi e nella risoluzione degli stessi nel migliore interesse delle parti e nel rispetto degli interessi generali coinvolti, la conoscenza e l'osservanza delle regole tecniche e deontologiche della professione, la maturazione di capacità di negoziazione e di composizione preventiva degli interessi delle parti nella ricerca della soluzione di maggiore garanzia sul piano della sicurezza e della certezza dei rapporti giuridici. Dirigenza nelle amministrazioni pubbliche e private: Le competenze che si richiedono nel laureato comprendono la capacità di assumere decisioni complesse nel rispetto del quadro normativo che regola l'agire dell'ente o del soggetto pubblico o privato diretto, la conoscenza approfondita delle norme, nazionali, locali e sovranazionali costitutive dell'ordinamento in cui quell'ente o quel soggetto opera, la capacità di redigere atti e pareri in materia giuridica necessari nella gestione dell'ente, la corretta gestione del rapporto di lavoro con i dipendenti. Sbocchi occupazionali: Gli sbocchi professionali principali sono rappresentati dalle professioni di avvocato, magistrato, notaio o di dirigente in amministrazioni private o pubbliche. Il laureato del Corso ha in ogni caso accesso a tutti i ruoli della pubblica amministrazione, e può operare come esperto legale in imprese o altri enti privati nonché in organizzazioni internazionali.
Dipartimento di riferimento
Scienze Giuridiche
Macro area
Scienze Giuridiche ed Economiche
Area disciplinare
Giuridica

Documenti

Documenti

Opinione studenti frequentanti - 2016/2017

Valutazione "COMPLESSIVA"

Frequenza delle risposte alla domanda: E' complessivamente soddisfatto/a di come è stato svolto questo insegnamento?