Diritto dell'Unione europea (2009/2010)

Orario lezioni

2° periodo di lezioni - aprile 2010
Giorno Ora Tipo Luogo Note
martedì 11.30 - 13.30 lezione Aula Falcone e Borsellino (ex-aula C)  
mercoledì 14.30 - 15.30 lezione Aula Falcone e Borsellino (ex-aula C)  

Obiettivi formativi

Il corso di diritto dell’Unione europea, anche tramite l’analisi concreta di casi giurisprudenziali, ha lo scopo di introdurre allo studio del sistema giuridico comunitario, avvalendosi principalmente dei metodi di interpretazione valorizzati dalla Corte di giustizia. Il corso prende in esame i profili istituzionali dell’Unione europea e prevede un’analisi dettagliata delle caratteristiche degli atti delle istituzioni, anche in relazione alla tutela spettante ai singoli, alla luce delle innovazioni introdotte dai trattati modificativi del Trattato di Roma. Particolare attenzione verrà rivolta al trattato di Lisbona del 13 dicembre 2007, analizzando le tappe che hanno portato a tale trattato dopo il fallimento della Costituzione europea e le innovazioni da esso apportate ai profili istituzionali e in tema di tutela dei diritti fondamentali, spazio di libertà, sicurezza e giustizia e politica estera. Una parte del corso verte altresì su particolari aspetti delle politiche comunitarie in materia di concorrenza, libertà di circolazione delle merci e aiuti di Stato.

Programma

Le istituzioni e le sue fonti. La struttura dell'Unione europea e delle Comunità europee: le istituzioni e gli organi; i rapporti tra diritto comunitario e le norme sulla politica estera e di sicurezza comune e sulla cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale; le competenze della Comunità europea; il sistema delle fonti del diritto comunitario; i rapporti tra ordinamento comunitario e ordinamento italiano, anche in relazione al decentramento regionale; le relazioni esterne della Comunità europea e dell'Unione europea; i diritti fondamentali nel sistema comunitario; il mercato interno. La realizzazione del mercato interno sulla base dei più importanti atti normativi e delle sentenze più significative della Corte di giustizia delle Comunità europee. In particolare il diritto della concorrenza, gli aiuti di Stato e la libera circolazione delle merci.

Modalità d'esame

L’esame si svolgerà in forma orale.

Materiale didattico

Documenti

Statistiche per i requisiti di trasparenza (Attuazione Art. 2 del D.M. 31/10/2007, n. 544)

Statistiche esiti
Esiti Esami Esiti Percentuali Media voti Deviazione Standard
Positivi 59.79% 26 3
Respinti 3.01%
Assenti 35.17%
Ritirati 1.50%
Annullati 0.50%
Distribuzione degli esiti positivi
18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 30 e Lode
3.3% 3.3% 2.5% 1.6% 1.6% 4.2% 3.3% 14.2% 10.0% 15.1% 16.8% 5.0% 16.8% 1.6%

Valori relativi all'AA 2009/2010 calcolati su un totale di 199 iscritti. I valori in percentuale sono arrotondati al numero intero più vicino.