Diritto dell'Unione europea (2017/2018)

Codice insegnamento
4S00314
Docente
Maria Caterina Baruffi
Coordinatore
Maria Caterina Baruffi
crediti
9
Settore disciplinare
IUS/14 - DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
1° periodo di lezioni dal 2-ott-2017 al 15-dic-2017.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso è diretto a fornire un quadro generale del diritto dell’Unione europea tramite l’analisi del sistema giuridico delineatosi a seguito dell’entrata in vigore del trattato di Lisbona avvenuta il 1° dicembre 2009. In particolare, l’obiettivo è quello di offrire gli strumenti necessari per una comprensione delle complesse dinamiche che ne regolano il funzionamento avvalendosi dei metodi di interpretazione elaborati dalla Corte di giustizia. Il metodo di insegnamento affiancherà infatti all’inquadramento teorico lo studio e l’approfondimento di casi pratici e sentenze. Ciò al fine di far sviluppare agli studenti una capacità di immediata applicazione del diritto dell’Unione europea a situazioni concrete e ottenere le competenze basilari per lo svolgimento di attività sia nell’ambito delle professioni forensi sia nell’ambito delle organizzazioni internazionali. Il corso, oltre a dare atto dell’evoluzione storica dell’integrazione europea, dei profili istituzionali e del sistema delle fonti e delle competenze, affronterà altresì particolari aspetti delle politiche dell’Unione, quali la concorrenza e gli aiuti di Stato.
In tale contesto, obiettivo principale del corso è quello di utilizzare con padronanza le fonti e la giurisprudenza del diritto dell’Unione europea, con piena consapevolezza dei profili evolutivi del quadro giuridico di riferimento.

Programma

Durante il corso saranno trattati i seguenti argomenti:

PARTE GENERALE.
L’evoluzione storica della costruzione comunitaria e dell’Unione europea. La struttura dell’UE: le istituzioni e gli organi e loro funzionamento; il sistema delle competenze e gli ambiti di intervento; il sistema delle fonti e le caratteristiche degli atti dell’UE; il rapporto tra diritto dell’UE e il diritto interno, anche in relazione al decentramento regionale; la tutela giurisdizionale; le relazioni esterne dell’UE; la politica estera e di sicurezza comune; i diritti fondamentali nel sistema dell’UE; la cittadinanza dell’UE.
PARTE SPECIALE.
La libera circolazione delle persone. La libera circolazione delle merci. Libertà di stabilimento e di prestazione dei servizi. Il diritto della concorrenza attraverso i principali atti normativi e le sentenze più significative della Corte di giustizia. Le politiche di concorrenza applicabili alle imprese: il divieto di intese anticoncorrenziali e di abuso di posizione dominante, il decentramento del diritto comunitario della concorrenza. Le politiche di concorrenza rivolte agli Stati: gli aiuti di Stato.

MODALITÀ DIDATTICHE
Con riguardo agli studenti frequentanti, le lezioni frontali, dedicate all’apprendimento delle nozioni e degli strumenti normativi che caratterizzano il diritto dell’Unione europea, saranno alternate da lezioni a carattere maggiormente pratico, in cui sarà analizzata la giurisprudenza rilevante.
Durante il corso il docente si avvarrà di presentazioni powerpoint.
I materiali didattici utilizzati durante il corso integrano il manuale di riferimento e saranno forniti agli studenti tramite la piattaforma e-learning di Ateneo.
Per gli studenti non frequentanti, le modalità didattiche consisteranno in un supporto del docente ad uno studio manualistico aggiornato.

TESTI CONSIGLIATI
R. ADAM, A. TIZZANO, Manuale di diritto dell’Unione europea, Giappichelli, Torino, 2014.

Coloro che avranno frequentato regolarmente le lezioni potranno prepararsi su:
- R. ADAM, A. TIZZANO, Manuale di diritto dell’Unione europea, Giappichelli, Torino, 2014, ad esclusione delle pagine 475-484, 581-612, 693-779 (per gli studenti in possesso della seconda edizione del manuale - anno 2017 - le pagine escluse dal programma sono le seguenti: pp. 467-477, 585-619, 709-804);
- appunti delle lezioni, ad integrazione del manuale.

A fini della preparazione dell’esame è necessaria, da parte di studenti frequentanti e non frequentanti, la conoscenza delle norme contenute nei Trattati (TUE e TFUE). È pertanto necessario accompagnare lo studio del manuale con un codice, della casa editrice di preferenza dello studente, contenente i testi aggiornati dei Trattati.

Gli studenti Erasmus potranno rivolgersi al docente nell’orario di ricevimento per concordare il programma in relazione al numero di crediti formativi da attribuire.

Modalità d'esame

L’esame si svolgerà in forma orale e sarà volto ad accertare, oltre all’acquisizione delle conoscenze richieste, che lo studente abbia maturato sufficienti capacità di analisi. In particolare, la prova orale consiste in un colloquio teso a verificare:

- la profondità e l’ampiezza delle conoscenze maturate;
- la proprietà di linguaggio;
- l’abilità di collegare in forma sistematica le conoscenze;
- la capacità analitica ed argomentativa.

Per i soli studenti frequentanti è prevista la possibilità di un pre-accertamento orale a ridosso della fine del corso.

Materiale didattico

Documenti

Statistiche per i requisiti di trasparenza (Attuazione Art. 2 del D.M. 31/10/2007, n. 544)

I dati relativi all'AA 2017/2018 non sono ancora disponibili