Diritto internazionale progredito (2017/2018)

Codice insegnamento
4S01094
Docente
Maria Caterina Baruffi
Coordinatore
Maria Caterina Baruffi
crediti
6
Settore disciplinare
IUS/13 - DIRITTO INTERNAZIONALE
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
1° periodo di lezioni dal 2-ott-2017 al 15-dic-2017.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire le basi concettuali e metodologiche necessarie per un’analisi critica dei meccanismi di protezione dei diritti fondamentali previsti tanto nell’ambito dell’Organizzazione delle Nazioni Unite quanto nei diversi sistemi regionali, tra cui in particolare quello europeo.
Dal primo punto di vista verranno analizzati i principali strumenti di portata generale elaborati in ambito ONU e i meccanismi istituzionali di controllo dell’osservanza degli obblighi internazionali in materia di diritti dell’uomo.
A livello regionale, invece, particolare attenzione verrà dedicata alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali e al sistema di tutela dei diritti umani nell’ambito dell’Unione europea, anche attraverso l’analisi di problematiche sottese al possibile conflitto di giudicati tra le corti di Strasburgo e di Lussemburgo.
L’insegnamento mira a far emergere, in una prospettiva prettamente giuridica, le problematicità sottese alla tutela internazionale dei diritti umani seguendo un approccio di natura critica e sistematica che stimoli la partecipazione degli studenti frequentanti.
Un’attenzione particolare sarà rivolta agli strumenti di tutela previsti a livello internazionale ed europeo per promuovere e proteggere i diritti dei minori migranti. Il corso rientra per tale motivo tra le attività del Dipartimento di Scienze Giuridiche come Chair dell’UNCRC Policy Center.
Al termine del corso lo studente sarà in grado di capire il funzionamento dei meccanismi internazionali istituiti al fine di controllare che i diritti enunciati nelle fonti convenzionali e nella giurisprudenza delle corti sovranazionali siano garantiti in modo effettivo all’interno degli ordinamenti statali.

Programma

In sintesi il programma seguirà la seguente articolazione:
- Nozione di diritti umani e diversi livelli di protezione.
- La tutela dei diritti umani a livello universale: principali fonti convenzionali e meccanismi di monitoraggio e di controllo; gravi violazioni dei diritti dell’uomo; diritti umani e diritto umanitario; l’azione delle Nazioni Unite per la regionalizzazione della protezione dei diritti umani e per l’istituzione delle Commissioni nazionali indipendenti per i diritti umani.
- La tutela dei diritti umani a livello regionale: la Convenzione europea di salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) e le procedure per la tutela dei diritti fondamentali avanti la corte di Strasburgo; l’incidenza della prassi giurisprudenziale della corte di Strasburgo e l’applicabilità della CEDU nell’ordinamento italiano; il rapporto tra CEDU e diritto dell’Unione europea.
- Settori emergenti nell’ambito della problematica dei diritti umani e tutela di categorie di soggetti in condizioni di particolare vulnerabilità.
- Migrazioni, protezione internazionale e diritti umani: profili internazionalistici ed europei; gli strumenti di tutela previsti a livello internazionale e europeo per promuovere e proteggere i diritti dei minori migranti.

MODALITÀ DIDATTICHE
Poiché le lezioni avranno carattere prettamente seminariale, le modalità didattiche adottate sono distinte tra studenti frequentanti e non frequentanti.
Con riguardo ai primi, le lezioni frontali sono dedicate alla definizione e alla trasmissione dei concetti e delle nozioni basilari, ma anche all’analisi di casi giurisprudenziali e di reclami davanti a organi quasi-giurisdizionali. Alle lezioni si aggiungono laboratori tematici di approfondimento su singoli diritti e categorie di soggetti particolarmente vulnerabili.
Le pronunce giurisprudenziali oggetto di analisi, le principali fonti internazionali esaminate e i materiali di approfondimento dei laboratori saranno messi a disposizione sulla piattaforma e-learning.
Con riguardo agli studenti non frequentanti, le modalità didattiche consistono in un supporto del docente ad uno studio manualistico aggiornato.

TESTI CONSIGLIATI
Gli studenti frequentanti e non frequentanti sono tenuti a preparare l’esame sui seguenti testi:
- C. Zanghì, La protezione internazionale dei diritti dell’uomo, Torino, Giappichelli, terza ed., 2013, pp. 93-166;
- V. Zagrebelsky, R. Chenal, L. Tomasi, Manuale dei diritti fondamentali in Europa, Bologna, Il Mulino, 2016, pp. 35-282; 343-348; 369-452.

Ai fini della preparazione dell’esame è inoltre richiesta la conoscenza delle principali convenzioni trattate nei manuali di riferimento. A tal fine lo studente può fare riferimento alle versioni ufficiali contenute nei siti istituzionali o nel seguente testo: I. Viarengo, M. Franchi, Tutela internazionale dei diritti umani. Casi e materiali, Torino, Giappichelli, 2017.

Gli studenti Erasmus potranno rivolgersi al docente nell’orario di ricevimento per concordare il programma in relazione al numero di crediti formativi da attribuire.

Modalità d'esame

L’accertamento dei risultati di apprendimento prevede sia per gli studenti frequentanti sia per quelli non frequentanti una prova orale unica tesa a verificare:
- il livello delle conoscenze acquisite e la capacità di collegamento delle medesime;
- la padronanza nell’uso delle fonti giuridiche e nella comparazione tra i sistemi di tutela;
- la proprietà di linguaggio e l’uso di terminologia specifica;
- la capacità analitica e argomentativa.

Materiale didattico

Documenti

Statistiche per i requisiti di trasparenza (Attuazione Art. 2 del D.M. 31/10/2007, n. 544)

I dati relativi all'AA 2017/2018 non sono ancora disponibili