Radici comuni, coesione ed uniformazione degli ordinamenti processuali nello spazio giuridico dell'unione europea

Data inizio
28 febbraio 2001
Durata (mesi) 
36
Dipartimenti
Scienze Giuridiche
Responsabili (o referenti locali)
De Cristofaro Marco
Parole chiave
diritto processuale giurisdizione riconoscimento delel sentenze

L'interesse che muove l'elaborazione di questo progetto è sollecitato dalle prospettive di uniformazione del diritto processuale a livello europeo, dischiuse dal Trattato di Amsterdam e dalla conseguente riforma del nuovo art. 65 del Trattato Ue. Per indagare queste prospettive , pertanto, non ci si limiterà a concentrare l'analisi e l'attenzione sui nuovi Regoalemnti del Consiglio (nn. 1346/2000, 1347/2000, 1348/2000 e 44/2001, rispettivamente in tema di riconoscimento delle procedure di insolvenza , di giurisdizione e riconosimento delel decisioni in materia matrimoniale e di affidamento dei figli, di notificazioni infracomunitarie e di giruisdizione e riconoscimento delle decisioni in materia civile e commerciale, quest'ultimo in sostituzione della Conv. di Bruxelles).
Si cercherà altresì di indagare su quello che possiamo definire il "comune patrimonio" del diritto processuale europeo , ricercando le affinità storiche , le circolazioni dei modelli e le prospettive di uniformazione tra i vari ordinamenti nazioanli, in particolare negli ambiti delel impugnazioni di ultima istanza e dell'esecuzione forzata.

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Marco De Cristofaro

Attività

Strutture