Economia politica [Matricole dispari] (2006/2007)

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
I Modulo 5 SECS-P/01-ECONOMIA POLITICA 1° periodo di lezioni Vittorio Pederzoli
II Modulo 5 SECS-P/01-ECONOMIA POLITICA 2° periodo di lezioni Cristina Spiller

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire agli studenti una formazione economica non solo dal punto di vista analitico ma altresì sotto il profilo dell’acquisizione dei principali strumenti di politica economica. Il corso si articola in due parti: nella prima l’attenzione è rivolta all’analisi microeconomica, nella seconda vengono analizzate le relazioni tra domanda e offerta in un approccio macroeconomico.

Programma

La microeconomia. Aspetti fondamentali delle principali correnti di pensiero economico. La domanda e l’offerta. La domanda del consumatore. Analisi delle curve di indifferenza. Equilibrio del consumatore. Il significato di elasticità e pendenza. L’impresa e le sue finalità operative. La produzione , i costi ed i ricavi. Produttività e la legge dei rendimenti.Isoquanti ed isocosti e la combinazione ottimale dei fattori della produzione. Massimizzazione del profitto. Le forme di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica, oligopolio. Teoria dei giochi. Mark-up. Economie e diseconomie esterne.
La macroeconomia. Nozioni di contabilità nazionale e significato di circuito economico. La domanda aggregata. Il consumo e le sue determinanti a livello teorico. Il moltiplicatore. Gli investimenti . L’acceleratore. Il ruolo dello Stato nella determinazione della domanda aggregata. Le relazioni internazionali. La moneta:caratteristiche, aspetti teorici,la domanda e l’offerta di moneta, l’equilibrio monetario. Il modello IS-LM-BP.Il ruolo della politica economica. L’offerta aggregata e il modello AS-AD.Il lavoro e le posizioni teoriche. L’inflazione e la relazione con la disoccupazione. Politiche antinflazionistiche.Dibattito monetarista.Dal breve al lungo periodo: lo sviluppo economico.

Modalità d'esame

Si ricorda quanto già più volte precisato a lezione: l’esame di Economia Politica verte su una prova scritta centrata su argomenti microeconomici, mentre la parte orale è relativa anche a tematiche macroeconomiche.
Si avvertono gli studenti interessati che la prova scritta sulla parte di Microeconomia può essere sostituita, nel giorno fissato, da una corrispondente prova orale (che va pertanto ad aggiungersi a quella relativa alla seconda parte dell’esame) qualora il numero dei partecipanti sia esiguo.
Avviso:
Come più volte detto a lezione, ripetuto durante l’orario di ricevimento agli allievi e sottolineato in varie occasioni, gli studenti nell’affrontare l’esame di Economia Politica (matricole dispari) sono tenuti a
1. sostenere una parte scritta (relativa a temi microeconomici);
2. sostenere una parte orale (inerente a argomenti macroeconomici e a chiarimenti sulla prova scritta).
Ne consegue che gli studenti devono iscriversi nell’appello prescelto, collocato nella Sessione preferita, in entrambe le date stabilite (una per lo scritto e l’altra immediatamente successiva per l’orale).
Lo scritto rimane comunque subordinato al potenziale congruo numero di allievi. Infatti, se questi ultimi non sono numerosi, l’intero esame verrà svolto oralmente.
L’esame va sostenuto integralmente, senza suddivisioni o scelte arbitrarie di argomentazioni da completare in una inaccettabile fase successiva.