Diritto penale 2 (2009/2010)

Codice insegnamento
4S01102
Docente
Lorenzo Picotti
Coordinatore
Lorenzo Picotti
crediti
10
Settore disciplinare
IUS/17 - DIRITTO PENALE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
1° periodo di lezioni, 2° periodo di lezioni, 2° periodo di lezioni - aprile 2010

Orario lezioni

2° periodo di lezioni - aprile 2010
Giorno Ora Tipo Luogo Note
martedì 14.30 - 16.30 lezione Aula Falcone e Borsellino (ex-aula C)  
martedì 14.30 - 16.30 lezione Aula Aula Tantini (ex Aula E), Studio  
mercoledì 15.30 - 16.30 lezione Aula Falcone e Borsellino (ex-aula C)  

Obiettivi formativi

Il corso è diretto ad approfondire in modo specialistico due importanti temi della “parte generale” e singoli settori della “parte speciale”, con l’obiettivo di perfezionare ed aggiornare la conoscenza del diritto penale non solo attraverso l’analisi ermeneutica di concrete fattispecie delittuose, in cui si applicheranno operativamente ma anche la riflessione critica su alcune categorie generali di rilievo nell’ordinamento contemporaneo, la cui utilità ed importanza emerge anche nella risoluzione di problemi e casi concreti.
Oggetto di studio saranno quindi i rapporti fra diritto penale nazionale e diritto europeo, evolutisi fortemente negli ultimi anni e prossimi a radicali mutamenti con l’auspicabile approvazione del Trattato di riforma dell’Unione europea; nonché il nuovo sistema della “responsabilità da reato” delle persone giuridiche, introdotto dal D.lgs. 231/2001, che sta acquisendo un’importanza sempre maggiore, estendendosi ad un vasto ambito di illeciti.
Della “parte speciale” del codice verranno invece studiati tre classici gruppi di delitti, particolarmente significativi nella prassi operativa, per il loro rilievo nei rapporti sia nella sfera pubblica (delitti contro la pubblica amministrazione) che in quella privata (delitti contro la persona e contro il patrimonio).

Programma

Il corso si snoderà nelle seguenti cinque unità didattiche:
1. diritto penale nazionale e diritto dell’Unione europea: evoluzione e tecniche del processo di “europeizzazione”, ripartizione di competenze nazionali ed europee fra primo e terzo pilastro, prospettive di riforma dei Trattati europei ed incidenza sulle competenze penali;
2. responsabilità “amministrativa” da reato delle persone giuridiche e degli enti: principi generali, struttura dell’illecito, sistema sanzionatorio (D.lgs. 231/2001, artt. 1-26);
3. delitti contro la pubblica amministrazione: definizione dei soggetti pubblici (artt. 357-360 c.p.), delitti contro il patrimonio pubblico, delitti contro il ‘mercimonio’ delle pubbliche funzioni, delitti contro i doveri funzionali (artt. 314-335-bis c.p.), singoli delitti dei privati contro la pubblica amministrazione (artt. 336, 337, 340, 341-bis, 346, 347, 348, 353-356, 393-bis c.p.);
4. delitti contro la persona: delitti contro la vita e contro l’incolumità individuale (artt. 575-593 c.p.), delitti contro l’onore (artt. 594-599 c.p.), delitti contro la personalità individuale (artt. 600, 600-bis, 600-quinquies, 601, 602 c.p.) delitti contro la libertà personale e sessuale (artt. 605-609-decies c.p.), delitti contro la libertà morale (artt. 610, 612 e 612 –bis c.p.), delitti contro l’inviolabilità del domicilio (art. 614 e 615-bis c.p.), restando comunque esclusi i reati informatici e di pedopornografia, trattati nell’apposito corso: “Diritto penale dell’informatica”;
5. delitti contro il patrimonio: mediante violenza e mediante frode (artt. 624-630, 635, 640, 640-bis, 641, 643, 644, 646, 648, 648-bis, 648-ter c.p.), esclusi i reati informatici trattati nell’apposito corso: “Diritto penale dell’informatica”.

Modalità d'esame

L’esame si svolge in forma orale. I frequentanti che abbiano approfondito singole tematiche assegnate dal docente durante il corso o nelle eventuali esercitazioni che potranno essere tenute dai collaboratori dr. Roberto Flor e dr. Ivan Salvadori per l’approfondimento casistico di temi specifici, potranno discutere inizialmente tali argomenti in sede d’esame. Variazioni del programma potranno altresì essere concordate con il docente per l’approfondimento di specifici argomenti di interesse del candidato.

Materiale didattico

Documenti