Storia del diritto medievale e moderno [Matricole dispari] (2012/2013)

Codice insegnamento
4S00324
Docente
Giovanni Rossi
Coordinatore
Giovanni Rossi
crediti
9
Settore disciplinare
IUS/19 - STORIA DEL DIRITTO MEDIEVALE E MODERNO
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
2° semestre - aprile/maggio 2013, 2° semestre - febbraio/marzo 2013

Orario lezioni

2° semestre - aprile/maggio 2013
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 11.30 - 13.30 lezione Aula Aula Magna  
martedì 11.30 - 13.30 lezione Aula Cipolla  
mercoledì 11.30 - 13.30 lezione Aula Aula Tantini (ex Aula E), Studio  
2° semestre - febbraio/marzo 2013
Giorno Ora Tipo Luogo Note
lunedì 11.30 - 13.30 lezione Aula Aula Magna  
martedì 11.30 - 13.30 lezione Aula Cipolla  
mercoledì 11.30 - 13.30 lezione Aula Aula Tantini (ex Aula E), Studio  

Obiettivi formativi

Il corso verte, entro una trattazione di carattere istituzionale, sulla storia delle fonti del diritto nel Medioevo e nell’età moderna, nell’ambito della più ampia storia politico-istituzionale europea, seguendo la parabola della formazione, della maturazione ed infine del declino dell’esperienza giuridica medievale, progressivamente sostituita da quella moderna, fondata per molti aspetti sui valori propri di una civiltà giuridica alternativa rispetto alla precedente. Ciò allo scopo di fornire gli strumenti necessari per comprendere la imprescindibile dimensione storica del diritto, attraverso il confronto delle nozioni tecniche fornite dalle discipline positive con quelle scaturite dall’assetto del fenomeno giuridico affermatosi nel passato, ispirato a valori e principi diversi da quelli dell’età romana come da quelli contemporanei.

Programma

PARTE I – ESPERIENZA GIURIDICA MEDIEVALE: TEMI E PROBLEMI.
Nozioni introduttive: nozione di esperienza giuridica; caratteri fondanti del diritto medievale. Le radici altomedioevali: legislazione romano-barbarica; principio della personalità del diritto; formazione di nuove consuetudini territoriali; formazione e sviluppo del diritto feudale. I frutti tardomedioevali: nascita dei comuni e diritto statutario; nascita dell’Università e fiorire della scienza giuridica basso-medioevale; pluralismo delle fonti del diritto e pluralità di ordinamenti nel Medioevo; concetto di ius commune. Il passaggio verso l’età moderna: l’età della pragmatizzazione del diritto.

PARTE II – CARATTERI DELL’ESPERIENZA GIURIDICA MODERNA.
L’Umanesimo giuridico; lo sviluppo di diritti nazionali autonomi; l’emersione dello Stato moderno; l’esperienza francese, studiata attraverso l’opera originale e tipica insieme di André Tiraqueau; l’ordo iuris nella prima età moderna; i Grandi Tribunali europei; tendenza verso la razionalizzazione delle fonti del diritto; progressivo accentramento della produzione di norme giuridiche nelle mani del sovrano; giusnaturalismo settecentesco ed illuminismo giuridico; l’Ancien régime; l’idea di codice.

Modalità d'esame

L’esame si articola in due parti: la prima parte consiste in una prova scritta con quesiti a risposta non prefissata, il cui superamento abilita a sostenere la seconda parte, in forma orale.

Materiale didattico

Documenti