Istituzioni di diritto privato [Matricole dispari] (2019/2020)

Codice insegnamento
4S008439
Docente
Riccardo Omodei Sale'
Coordinatore
Riccardo Omodei Sale'
crediti
12
Settore disciplinare
IUS/01 - DIRITTO PRIVATO
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
2° periodo di lezioni - febbraio/aprile 2020 - 12 CFU dal 6-feb-2020 al 6-apr-2020.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso ha l’obiettivo di introdurre lo studente alla conoscenza e comprensione dei fondamenti del diritto privato, ossia alle nozioni e regole giuridiche fondamentali che governano i rapporti intersoggettivi di natura privatistica e alle corrispondenti forme di tutela. L’insegnamento si propone anche, in via preliminare, di familiarizzare lo studente con l’uso degli strumenti metodologici necessari per l’analisi e la risoluzione dei problemi giuridici di base, con specifico riguardo a quelli immediatamente riferibili al diritto privato. Lo studente dovrà acquisire la capacità di analizzare ed impostare questioni giuridiche basilari attinenti a rapporti intersoggettivi di natura privatistica ed alle corrispondenti forme di tutela, nonché di formulare, a livello di base, in autonomia giudizi e argomentazioni relativamente ai casi, questioni e fattispecie giuridiche analizzate e di adeguarli con consapevolezza critica al mutare dei contesti di riferimento.

Programma

Il diritto privato in generale – Le situazioni giuridiche soggettive – I fatti e gli atti giuridici – I soggetti: le persone fisiche e le persone giuridiche – I beni e i diritti reali – Le obbligazioni – Il contratto in generale – I contratti tipici – I contratti dei consumatori – Le fonti non contrattuali di obbligazione – I fatti illeciti – Il diritto di famiglia in generale – Il matrimonio – La filiazione – Le successioni per causa di morte – Le donazioni – La tutela dei diritti.

Testi consigliati:

1) A. TRABUCCHI, Istituzioni di diritto civile, 49a ed., Wolters Kluwer CEDAM, 2019 (con esclusione delle parti dedicate alle procedure concorsuali [Capo IX, Sez. III], ai titoli di credito e alla circolazione dei valori mobiliari [Capo XII, Sez. IV], alla proprietà intellettuale e alla concorrenza [Capo XIII];

oppure:

2) A. TORRENTE – P. SCHLESINGER, Manuale di diritto privato, 24a ed., Giuffrè, 2019 (con esclusione delle parti dedicate ai titoli di credito, cambiale e assegni [Capitolo LI, Lett. D), Capitolo LII e Capitolo LIII], nonché all'impresa, alle società e alle procedure concorsuali [da Capitolo LVI a Capitolo LXIV]).

3) L’ultima edizione di un Codice civile con le principali Leggi collegate;

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
A. TRABUCCHI Istituzioni di diritto civile (Edizione 49) Wolters Kluwer CEDAM 2019
CODICE CIVILE L'ultima edizione di un Codice civile con le principali leggi collegate 2021
TORRENTE A.-SCHLESINGER P. Manuale di diritto privato (Edizione 24) Giuffrè, Milano 2019

Modalità d'esame

L’esame si svolgerà in due parti. La prima parte consiste in una prova scritta di preaccertamento con quesiti a risposta multipla, volta a verificare la padronanza minima, da parte dello studente, delle nozioni basilari del diritto privato. La seconda parte, sotto forma di colloquio orale, prevede l’accertamento più approfondito delle conoscenze teoriche e pratiche relative agli istituti oggetto del programma.

Per i soli studenti frequentanti (purché immatricolati al primo anno ed in corso) sono previsti più momenti di accertamento parziale "in itinere" lungo tutto il semestre, con modalità, oggetto e secondo un calendario che saranno comunicati dal docente durante il periodo di lezione. Gli accertamenti "in itinere" valgono quale strumento di autovalutazione dello studente e, al contempo, vengono considerati dal docente quale base per la valutazione relativa alla prova di esame finale.
Gli studenti frequentanti che hanno sostenuto con esito positivo le prove di accertamento "in itinere" sono inoltre esonerati dalla prima parte dell’esame (ossia dalla prova di preaccertamento con quesiti a risposta multipla) e potranno quindi, in sede di appello ordinario, sostenere direttamente l’esame in forma di colloquio orale. L’esito positivo delle prove di accertamento "in itinere" conserva valore fino all’ultimo appello del mese di settembre.