Economia pubblica e public procurement (2020/2021)

Codice insegnamento
4S003630
Docente
Veronica Polin
Coordinatore
Veronica Polin
crediti
9
Settore disciplinare
SECS-P/03 - SCIENZA DELLE FINANZE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
2° periodo di lezioni - GEM dal 10-feb-2021 al 15-mag-2021.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

L'insegnamento si propone di mettere in grado gli studenti di comprendere le motivazioni proposte dalla teoria economica che giustificano un intervento dello Stato in casi di emergenza. Si analizzeranno inoltre le diverse tipologie di intervento pubblico attuate dai paesi industrializzati per la governance ex ante ed ex post di emergenze di varia natura. Enfasi sarà posta sull’importanza di un’accurata valutazione dell’impatto delle diverse misure adottate per la gestione delle emergenze e su possibili nuovi visioni di policy per contribuire all'Agenda 2030. Il corso si propone infine di sviluppare capacità di utilizzo dei più importanti database e di "problem solving" attraverso l’analisi di alcuni casi studio.

Programma

1. Definizione e tipologie di emergenza e valutazione economica dei danni.
2. Le ragioni teoriche dell’intervento pubblico in situazioni di emergenza.
3. Le aree e le forme di intervento pubblico nelle situazioni di emergenza.
4. Partnership pubblico/privato nella governance delle emergenze.
5. Le fonti di finanziamento dell’intervento pubblico nelle situazioni di emergenza.
6. Il sistema informativo per la gestione delle emergenze e analisi del “Distaster Risk” nel contesto italiano.
7. Il coordinamento tra governo centrale e dimensione locale per prevenire e gestire le situazioni di emergenza in Italia.
8. Sviluppo sostenibile e approccio multidimensionale al benessere.
9. L’analisi di “case study”.

Informazioni dettagliate su programma, testi di riferimento e materiali didattici sono disponibili sulla pagina elearning del corso.

Modalità d'esame

L’esame consiste in una prova scritta con domande sull’intero programma. Qualora il numero di studenti lo consenta e la docente lo ritenga opportuno, la prova scritta potrà essere sostituita da un colloquio orale.