Diritto del terzo settore e fenomeni emergenziali (2020/2021)

Codice insegnamento
4S008519
Docente
Alessandra Cordiano
Coordinatore
Alessandra Cordiano
crediti
6
Settore disciplinare
IUS/01 - DIRITTO PRIVATO
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
1° periodo di lezioni - GEM dal 30-set-2020 al 19-dic-2020.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso è destinato allo studio degli enti operanti nell’ambito del terzo settore e all’analisi dell’evoluzione del loro ruolo, alla luce del quadro costituzionale, della disciplina codicistica e della disciplina speciale, con uno sguardo alle recenti discipline di riforma, che hanno modificato sostanzialmente il terzo settore. L’obiettivo formativo del corso è quello di introdurre in uno degli ambiti tipici di intervento del settore del non profit: quello del diritto della famiglia, delle persone e dei minori, fornendo le competenze utili a comprendere e gestire sia i contesti di intervento, sia le modalità di intervento stesso, relativamente alla giurisdizione e amministrazione dei servizi sociali e all’area della protezione e della tutela dei minori. Compreso il contesto fisiologico, nel quale operano la giurisdizione, le istituzioni e il terzo settore, il corso verrà altresì orientato allo studio di un ambito prettamente emergenziale, quale quello delle migrazioni questioni tanto attuali, quanto delicate, anche sotto il profilo della ricostruzione del fenomeno giuridico: l’obiettivo è quello di far acquisire agli studenti competenze specialistiche in uno degli ambiti tipici delle migrazioni, quello della circolazione delle famiglie e dei minori occasionata da eventi emergenziali o da ragioni umanitarie. Al termine del corso, lo studente sarà in grado di comprendere il contesto organizzativo e funzionale degli enti non profit che operano nei settori emergenziali del diritto della famiglia e dei minori e di gestirne le principali problematiche giuridiche.

Programma

Il corso è destinato allo studio degli enti operanti nell’ambito del terzo settore e all’analisi dell’evoluzione del loro ruolo alla luce del quadro costituzionale, della disciplina codicistica e della disciplina speciale, con uno sguardo alle recenti istanze di riforma.
Gli studenti verranno poi introdotti in uno degli ambiti tipici di intervento del settore del non profit: quello del diritto della famiglia, delle persone e dei minori. Per questa via, verranno fornite le competenze relative alla giurisdizione e amministrazione dei servizi sociali e all’area dell’intervento pubblico a tutela dei minori.
Infine, il corso verrà orientato allo studio di un ambito prettamente emergenziale, quale quello delle migrazioni e della circolazione delle famiglie e dei minori, questioni tanto attuali, quanto delicate, anche sotto il profilo della ricostruzione del fenomeno giuridico.
L’obiettivo formativo del corso è quello di far acquisire agli studenti competenze specialistiche in uno degli ambiti topici delle Emergenze: quello delle migrazioni e della circolazione delle famiglie e dei minori occasionata da eventi emergenziali o da ragioni umanitarie. Al termine del corso, lo studente sarà in grado di comprendere il contesto organizzativo e funzionale degli enti non profit che operano nei settori emergenziali del diritto della famiglia e dei minori e di gestirne le principali problematiche giuridiche.

Programma del Corso
1) Evoluzione e regolamentazione delle persone giuridiche e del diritto del terzo settore
- Le persona giuridiche e gli enti collettivi: associazioni, fondazioni e comitati; costituzione, organizzazione e vicende delle persone giuridiche; profili di responsabilità degli enti e degli amministratori.
- Il settore del non profit: le leggi istitutive delle figure giuridiche collegate con il terzo settore; enti associativi non lucrativi (associazioni, fondazioni e comitati), Onlus (ong, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali); disciplina vigente e riforme.
- Le aree tipiche di intervento del terzo settore: in particolare, il privato sociale nell’area del diritto delle persone, della famiglia e dei minori.
2) Le interrelazioni fra privato sociale, amministrazione dei servizi sociali e giurisdizione nell’area del diritto delle persone, della famiglia e dei minori
- Le autorità giudiziarie competenti: il tribunale civile e penale ordinario; il giudice tutelare; il tribunale per i minorenni; le procure.
- Il processo civile in materia di famiglia e di minori. Tutore, curatore e difesa tecnica del minore.
- I servizi sociali di base e specialistici nell’ambito giudiziario: competenze e organizzazione; il ruolo del privato sociale.
-L’autorità garante dei diritti dei minori.
3) L’intervento pubblico a protezione dei minori
- L’interesse superiore del minore e gli altri diritti fondamentali.
- Il controllo sull’esercizio della responsabilità genitoriali: provvedimenti di limitazione e di decadenza della responsabilità genitoriale, il processo minorile (il processo minorile, la protezione giudiziaria ordinaria e quella d’urgenza, l’esecuzione dei provvedimenti). Gli affidi temporanei e le adozioni.
- La protezione amministrativa d’urgenza: gli allontanamenti d’urgenza dei servizi sociali e il ruolo del privato sociale. Gli affidi ai servizi sociali.
4) Diritto di famiglia e “percorsi di migrazione”
- L’adozione internazionale. Gli affidi solidaristici. La kafalah.
- Il diritto all’unità familiari: famiglie migranti e minori stranieri accompagnati.
- I minori stranieri, accompagnati e non accompagnati: l’ingresso sul territorio, la protezione e il soggiorno.
- La sottrazione internazionale dei minori.

Modalità didattiche
Alle lezioni frontali, necessarie per lo studio dei profili più complessi della disciplina oggetto del corso, si affiancheranno esercitazioni in aula con autovalutazione per la verifica dell’applicazione degli strumenti normativi studiati, con il supporto di specifiche letture e pronunce giurisprudenziali, che verranno progressivamente fornite agli studenti attraverso la piattaforma e-learning dedicata.
Nel corso dell’anno accademico, gli studenti potranno usufruire del servizio di ricevimento settimanale, nel giorno e nell’orario indicato nella pagina web della docente, per chiarire eventuali dubbi o approfondire profilli di particolare interesse.

Testi:
F. RUSCELLO, Compendio di diritto privato, Edizioni Amon, 2018, Capitoli X e XII;
MAZZULLO, Il nuovo codice del terzo settore, Torino, Giappichelli, 2017
L. LENTI-, Diritto di famiglia e servizi sociali, Giappichelli, 2018, Parte seconda, Capitoli VIII (pp. 121-140), XVII e XXVIII (pp. 277-344);
F. RUSCELLO, Compendio di diritto di famiglia, Amon, 2020, Capitolo VIII e IX (pp. 153-186);
A. CORDIANO, «The best interest of unaccompanied foreign child» e gli istituti di diritto minorile: un caso di convergenze (quasi) parallele, in DIRITTO DELLE SUCCESSIONI E DELLA FAMIGLIA, 2018, p. 409-436
A.C. MORO, Manuale di diritto minorile, Zanichelli, 2008, Parte Terza, Capitolo 15, paragrafo 15.5 (pp. 450-455).
Altri materiali verranno offerti durante il corso e messi a disposizione su Moodle.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Francesco Ruscello Diritto di famiglia Pacini 2020
L. Lenti Diritto di famiglia e servizi sociali Giappichelli 2018
Mazzullo Il nuovo codice del terzo settore Giappichelli 2017 9788875243944
A. C. Moro Manuale di diritto minorile Zanichelli 2008

Modalità d'esame

L’esame sarà svolto con un colloquio orale al fine di verificare il grado di comprensione delle materie oggetto dell’insegnamento e delle relative problematiche.
La prova orale unica verte sull’intero programma.
La conoscenza delle singole parti di programma è considerata equipollente ai fini della valutazione finale.
La valutazione finale è espressa in 30esimi.
***
Gli studenti ERASMUS sono pregati di prendere contatto con la docente all’inizio dei corsi per concordare insieme le modalità didattiche e delle prove di accertamento