La persona offesa dal reato nella disciplina del processo penale e nelle prospettive internazionali di riforma

Data inizio
1 ottobre 2005
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Scienze Giuridiche
Responsabili (o referenti locali)
Presutti Adonella
Parole chiave
Processo penale, offeso dal reato, prospettive internazionali

Riscattandola dalla sua tradizionale posizione di subalternità rispetto alla pretesa punitiva dello Stato, la disciplina codicistica vigente valorizza la persona offesa dal reato assegnandole specifici diritti e facoltà. Un significativo rafforzamento del suo ruolo è emerso, in particolare, dalla legge istitutiva della competenza penale del giudice di pace. L'analisi complessiva dell'assetto processuale lascia registrare, tuttavia, lacune e zone d'ombra al punto da indurre il legislatore italiano, sulla scia delle indicazioni provenienti dalla Comunità internazionale (Decisione quadro relativa alla posizione della vittima nel procedimento penale, approvata il 15/3/2001 dal Consiglio dell'Unione europea), ad intraprendere iniziative volte alla realizzazione di una più efficace tutela della vittima del reato (Proposta di "Legge quadro per l'assistenza e la tutela delle vittime del reato", attualmente all'esame del Parlamento).

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Elisa Lorenzetto
Ricercatore a tempo determinato
Aree di ricerca coinvolte dal progetto
Criminal Procedure Law
Pubblicazioni
Titolo Autori Anno
Ordine di protezione e ricorso ex art.111 comma 7 Cost.: una preclusione davvero giustificata? A.PRESUTTI 2007

Attività

Strutture