"Ius in artem redigere": metodologia della conoscenza e metodologia giuridica nel secolo XVI, con particolare riferimento alla "Nova distributio iuris universi" di Jan Kocin.

Data inizio
1 luglio 2002
Durata (mesi) 
12
Dipartimenti
Scienze Giuridiche
Responsabili (o referenti locali)
Pedrazza Gorlero Cecilia

Il progetto è volto ad indagare la formazione del pensiero metodologico-giuridico moderno, attraverso l’analisi dei principali modelli teorici che ne rappresentano la concretizzazione e ne testimoniano la fortuna nell’Europa dei secoli XV-XVI. L’elaborazione dei moderni sistemi giuridici, volta alla ricerca dell’ordine del mondo e della sua traduzione nel linguaggio umano, è, infatti, espressione della costante preoccupazione di racchiudere il diritto all’interno di una struttura logica che ne garantisca il valore, l’operatività e la conservazione. Di tale preoccupazione dà testimonianza, in particolar modo, la Nova distributio iuris universi di Jan Kocin, la cui lettura apre un’originale e ricca interpretazione della metodologia giuridica moderna.

.

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Cecilia Pedrazza Gorlero
Professore associato

Attività

Strutture