Cittadinanza sociale e Regioni

Data inizio
1 luglio 2004
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Scienze Giuridiche
Responsabili (o referenti locali)
Guiglia Giovanni

I diritti sociali riconosciuti dalla nostra Costituzione, dopo la revisione costituzionale del Titolo V, della Seconda Parte, risultano nell'ambito della competenza attuativa sia dello Stato che delle Regioni, che possono elaborare entrambi complessi interventi legislativi, secondo le rispettive attribuzioni. Ogni Regione, in specie, può intervenire con proprie leggi nell'ambito dei diritti sociali (si pensi ad esempio al diritto allo studio, ai servizi sociali e al diritto alla salute), attuando scelte politiche differenti e tenendo conto delle proprie congiunture economiche, in particolare delle risorse disponibili per le politiche sociali. Il cittadino, pertanto, può godere di uno "statuto sociale" diverso, a seconda della Regione in cui risiede. Resta però da considerare fino a che punto possano spingersi le leggi regionali, volte a disciplinare i diritti sociali, nel differenziare e soprattutto nel limitare le prestazioni da erogare ai cittadini sul territorio. Ne può risultare, infatti, non tanto uno squilibrio (fisiologico?) tra Regione e Regione, ma soprattutto un'inaccettabile riduzione dei "livelli essenziali delle prestazioni" concernenti i diritti sociali, che - si badi - devono essere garantiti ai cittadini su tutto il territorio nazionale. Dell'indicazione e del mantenimento di tali livelli essenziali sono responsabili il legislatore statale e, in ultima istanza, la Corte costituzionale, alla luce dei princìpi fondamentali della nostra Carta fondamentale e, in prospettiva, della "Costituzione europea".
Con la presente ricerca ci si propone, anzitutto, di analizzare la legislazione regionale dopo l'entrata in vigore del nuovo Titolo V, Seconda parte, Cost. (2001), per individuare ed evidenziare le differenze e le analogie tra le 20 Regioni nella disciplina della c.d. "cittadinanza sociale". In seguito, ci si propone di esaminare la giurisprudenza della Corte costituzionale avente ad oggetto le leggi statali e regionali che hanno inciso, rispettivamente, sulla determinazione dei "livelli essenziali delle prestazioni" e sull'indicazione delle concrete prestazioni da erogare ai cittadini a garanzia dei diritti sociali.

Enti finanziatori:

Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento

Partecipanti al progetto

Collaboratori esterni

Silvio Troilo
Università di Bergamo Studi giuridici Professore associato
Ignazio Pagani
Studio associato "Cocito-Monzani-Pagani" - Novara Dottore di ricerca
Michele Turazza
Assegnista di ricerca Scienze Giuridiche laureato
Michela Berra
Università IULM -Milano Scienze giuridiche

Attività

Strutture