Le indagini ad alto contenuto tecnologico: profili di diritto penale sostanziale e processuale alla luce della Riforma Orlando e delle recenti iniziative europee

  venerdì 25 maggio 2018
25 maggio 2018I Sala 3, Polo scientifico didattico, Viale Margherita 87 - Vicenza

Le indagini ad alto contenuto tecnologico: profili di diritto penale sostanziale e processuale alla luce della Riforma Orlando e delle recenti iniziative europee

Venerdì 25 maggio, nel complesso universitario di via Margherita 87, Vicenza, si terrà il convegno sul tema “Le indagini ad alto contenuto tecnologico: profili di diritto penale sostanziale e processuale alla luce della Riforma Orlando e delle recenti iniziative europee”. Si tratta della seconda iniziativa organizzata nell’ambito del Protocollo di intesa fra Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza e dipartimento di Scienze Giuridiche, supportata dal Progetto di ricerca di base 2016 “Terror Cyber Crime” (TCC) e con il patrocinio dell’Osservatorio Cybercrime.

Il progetto di un Protocollo tra Procura e una prestigiosa realtà accademica nasce dalla consapevolezza che la sempre maggiore incidenza, nell’ambito dell’attività istituzionale degli uffici inquirenti, delle attività investigative a mezzo delle nuove tecnologie debba necessariamente accompagnarsi con una costante e proficua attività di formazione e aggiornamento. L’incontro, il primo di questo genere nel distretto veneto, è incentrato su specifici aspetti, giuridici e tecnici, relativi all’ acquisizione della prova digitale ed all’utilizzo dei c.d. captatori informatici, oggetto di importanti e recenti interventi legislativi.

Sotto il coordinamento scientifico di Hans Roderich Blattner, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Vicenza, e Roberto Flor, docente del dipartimento di Scienze Giuridiche di Verona e responsabile del Progetto TCC, parteciperanno il Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Vicenza, Antonino Cappelleri, il Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Verona, Angela Barbaglio, la direttrice del dipartimento di Scienze Giuridiche, Donata Gottardi, nonché esperti e rappresentanti delle istituzioni accademiche, della magistratura e della polizia giudiziaria.

Interverranno come relatori, infatti, anche Lorenzo Picotti, ordinario dell’università di Verona e direttore dell’Osservatorio Cybercrime, e Stefano Marcolini, associato dell’Università dell’Insubria. Seguiranno gli interventi e le relazioni di Emanuela Napoli, Primo Dirigente della Polizia di Stato Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Veneto, Fabrizio Cannata (Arma dei Carabinieri), Letterio Saverio Costa (Polizia Postale e delle Comunicazioni), Giancarlo Marano (Arma dei Carabinieri) e Roberto Zanardo (Polizia Postale e delle Comunicazioni).

La prima parte dell’incontro (ore 9.00-12.30) è ad ingresso libero. La seconda parte (ore 14.00-18.00) è riservata ai membri del progetto, ai magistrati ed alla polizia giudiziaria.

Allegati